Ravioli di ricotta e sapori

Ravioli di ricotta e sapori

Cucinare è un modo di dare (Michel Bourdin)

Dedico a questi ravioli un sapore raffinato. Consistenti nella pasta e cremosi nel ripieno.
La pasta all’uovo rigorosamente fatta in casa, impastata a mano con cura nel metodo classico crea il giusto involucro per un ripieno unico, delicato ed elegante. La farcitura dei ravioli non ha bisogno di uova, come legante è necessaria una semplice patata schiacciata. Per donare un sapore più deciso è inserita la maggiorana, pochissima scamorza e pochissimo parmigiano.

Cosa stiamo aspettando, vi va di conoscere la ricetta completa?

RICETTA

  • Porzioni: 2 porzioni
  • Tempo preparazione: 30 min
  • Tempo cottura: 5 min

Ingredienti per l’impasto

  • 200 gr farina
  • 2 uova medie
  • sale q.b.
  • maggiorana q.b.

Ingredienti per il ripieno

  • 100 gr ricotta (io adoro la Vallelata http://www.vallelata.it/ricottine/)
  • 20 gr scamorza bianca
  • 10 gr parmigiano grattugiato
  • 100 gr patate (peso senza buccia)
  • maggiorana q.b.
  • sale q.b.
  • pepe q.b.

Ingredienti per il condimento

  • 20 gr burro
  • qualche fogliolina di salvia

Utensili

Ravioli ricotta

Preparazione – Spiegazione dettagliata

  • Per l’impasto
    1. Sul piano di lavoro creare la classica fontana con la farina
    2. Inserire le uova, un pizzico di sale e impastare fino ad ottenere un impasto omogeneo
    3. Aggiungere le foglie di due rametti di maggiorana e inglobare nell’impasto
    4. Lasciar riposare sotto una tazza per evitare che secchi la pasta
    5. Nel frattempo preparare il ripieno
  • Per il ripieno
    1. Far bollire una patata tagliata a fette per velocizzare la cottura in acqua bollente salata
    2. Schiacciare bene con una forchetta assicurandosi che non ci siano grumi (bucherebbero la pasta)
    3. Far raffreddare
    4. Nel tritatutto aggiungere 20 gr di scamorza
    5. Sminuzzarla bene
    6. In un contenitore aggiungere la patata schiacciata, la ricotta, il parmigiano grattugiato e la scamorza tritata
    7. Mescolare tutto bene e aggiustare di sale e di pepe
  • Per i ravioli
    1. Stendere la pasta con la “nonna papera” (spessore minimo)
    2. Con lo stampino circolare creare dei cerchi
    3. Riempire metà dei cerchi di pasta con 1 cucchiaino di ripieno
    4. Coprire i cerchi con un cerchio di pasta privo di ripieno
    5. Sigillare bene i bordi
  • Per il condimento
    1. Far sciogliere il burro a fuoco lento per evitare che bruci
    2. Aggiungere due o tre foglie di salvia
    3. Cuocere i ravioli per qualche minuto in acqua bollente salata
    4. Servire

Preparazione – infografica

tutorial ravioli ricotta e sapori

Consigli

  • Al posto della maggiorana potete usare un sapore a vostro piacere
  • Al posto della scamorza potete usare un altro formaggio a pasta morbida
  • Per sigillare bene i ravioli usare una forchetta se l’impasto fosse troppo asciutto

Consigli per il porta pranzo

  • Metterli in un contenitore e condirli con maggiore burro
  • Conservarli in frigo o in borsa frigo, scaldarli al momento del consumo
  • Vi assicuro, sono buonissimi anche così!

Se vuoi ricevere le notifiche per le mie nuove videoricette iscriviti al mio canale YouTube

Vi vanno quattro chiacchiere?

Il fine settimana è tempo di coinvolgere i bambini nelle attività creative, come la cucina. Per me la cucina rappresenta un momento di svago, un attimo di creatività in questo mondo fatto di routine, di lavoro, di orari prestabiliti. Se riesco, pur urlando tutto il tempo per evitare di devastare la cucina, coinvolgo il mio bimbo di quasi 3 anni quando si tratta di impastare.
Domenica pomeriggio, dopo una passeggiata all’aperto, abbiamo deciso di preparare i ravioli, un po’ da cuocere e mangiare la sera stessa, un po’ da portare al lavoro il giorno successivo e i rimanenti da surgelare per le settimane a venire.
In questi giorni su Facebook avevo inserito proprio un sondaggio riguardante la conservazione degli alimenti con una scadenza breve. Nelle prossime settimane vorrei approfondire l’argomento con un articolo sul mio blog “tecniche di conservazione degli alimenti: i pro e i contro”.
Siete interessati all’argomento?

Aspetto numerosi commenti 🙂

No votes yet.
Please wait...


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *